Ultima modifica: 6 giugno 2017
Istituto Comprensivo "Alberto Marvelli" > Esperienze > Parco del Conero – Progetto Ambiente 2016–2017, classe quinta San Fortunato (26 aprile 2017)

Parco del Conero – Progetto Ambiente 2016–2017, classe quinta San Fortunato (26 aprile 2017)

Il Monte Conero…
quando una montagna riesce ad incontrare il mare

Alta e imponente, visibile nelle giornate di tramontana anche dai crinali dei Sibillini e degli altri massicci montuosi dell’Appennino marchigiano, questa “montagna sul mare” si affaccia nell’azzurro dell’Adriatico con le sue pareti, i suoi scivoli rocciosi e i suoi ripidi pendii ricoperti da una impenetrabile macchia mediterranea. Un ambiente che nasconde, ma dichiara, tracce di passaggi, di storia, di vita.
con ☺ Maria G. ☺ Sabrina V. ☺ Cristina R. ☺ Giampiero S.


Subito ci accoglie il presidente dell’ente Parco del Conero Gilberto Stacchiotti e ci mostra il percorso che Sabrina e Giampiero hanno scelto per noi

Prima di andar a percorrere il sentiero, scopriamo cosa questo incantevole ambiente potrebbe regalarci: entriamo nel Parco prima di entrarci, visitando un Centro Visita al passo con i tempi e la tecnologia: riconosciamo le impronte, classifichiamo la vegetazione, differenziamo le spiagge a seconda del “tipo di sabbia” come sgretolamento della roccia, impariamo a salvaguardare l’ambiente, conosciamo la storia che ci ha portati fino a qui.

Ma ora via il sentiero dal vivo ci aspetta

Ogni tanto la vegetazione si apre a scorci incantevoli che mostrano
come la roccia si dondoli sul mare

Un cartello ci sbarra la strada… ma noi siamo attrezzati perché le nostre maestre non lasciano nulla di incompiuto e ci supportano se abbiamo bisogno

Deviamo dal sentiero verso un tratto che non è segnalato: dove vorranno portarci Giampiero e le nostre maestre???? La grotta Romitorio, il posto di culto e di preghiera dell’antico eremo dei Benedettini che mette le sue origini intorno all’anno 1000

Continuiamo a scendere nel nostro percorso e finalmente arriviamo a mangiare!!

si riparte e … ma dove va a finire questa scalinata?

La roccia lascia il posto al mare e noi raggiungiamo il piccolo lembo di spiaggia.

 

Infine ecco il nostro gruppo di classe quinta

Ogni giorno ogni attimo con loro è sempre una nuova scoperta e mille emozioni ci attendono, perché una guida come Giampiero e maestre così permettono davvero di diventare GRANDI!
Grazie